.

.
.
.
.
.

lunedì 6 marzo 2017

CARTOOMICS 2017: NOVITA', ANTEPRIME E TANTA TANTA GENTE

Come l'anno scorso la giornata prescelta per visitare Cartoomics è la domenica.
A differenza dell'anno scorso però, ad attenderci all'ingresso del colossale impianto fieristico di Rho, c'è una altrettanto colossale fiumana di visitatori.
Dai racconti di chi ci aveva preceduto il venerdì ed il sabato non ci aspettavamo tanta ressa che comunque, come era facile immaginare, si diluisce presto nella vastità dei padiglioni e non crea problemi... soprattutto a noi che siamo diretti nella zona dall'area Board Games, che in questo tipo di fiere che abbracciano il mondo “nerd” a 360°, è sempre un'isola felice :)
Dopo un primo giro conoscitivo tra gli stand, ci fermiamo da Red Glove per provare il tanto atteso WARSTONES, un gioco di schiccherate ideato da Andrea Chiarvesio e Maurizio Favoni.
La versione a cui giochiamo è ancora a livello di prototipo, per provare qualcosa di definitivo bisognerà aspettare ancora un mesetto scarso, la fiera destinata al lancio non sto nemmeno a nominarla, ci siamo capiti ;)
Warstones è un gioco molto divertente per 2, 3 o 4 giocatori, e consta di una plancia di gioco alla “subbuteo”, leggera e delle dimensioni all'incirca di 90x90 cm, divisa in settori, sulla quale si muovono gli eserciti dei contendenti, rappresentati non da miniature bensì da gettoni simil-fiches. La peculiarità è che per muoverli si prendono letteralmente a schiccherate le unità che li compongono.
Lo scopo, almeno in questo scenario, era di totalizzare 5 punti vittoria assediando e conquistando villaggi ma, come ci ha assicurato Alexander che ci ha spiegato il gioco, di scenari ce ne saranno a iosa.
Il prototipo di Warstones
Warstones è un gioco che per natura si presta alle espansioni, non solo a livello di scenari e missioni ma anche di truppe e schieramenti (il gioco base prevede umani Vs non-morti).
L'impressione è molto positiva, questo è un titolo che mixa con semplicità un pizzico di Warhammer, Flick 'em up! e Catacombs, unendo gli elementi strategici propri dei wargames alla destrezza dovuta ai colpi da assestare alle fiches, facendolo risultare un gioco piacevole e dall'esito, spesso, imprevedibile :)
Dovrebbero completare la dotazione del gioco due mazzi di carte con le abilità speciali di ogni reparto che forma lo schieramento dei giocatori, un paio di player aid e dei cubetti azione, oltre a delle torri/villaggi che trovano posto al centro della mappa e fungono un po' da ostacoli come accadeva nei vecchi flipper.
Soddisfatti della sosta in casa Red Glove proseguiamo il nostro giretto alla ricerca di nuovi titoli da provare (nuovi almeno per noi).
In rapida successione giochiamo a ADVENTURELAND della Haba, gioco bello ma che soffre di ciò che il buon Agzaroth definisce “dragging”, ossia si trascina in modo ripetitivo di turno in turno, dimostrandosi più lungo che soddisfacente.
Continuo a rimanere perplesso da questi nuovi titoli Haba, per quanto mi riguarda non sono né carne né pesce.
Tocca poi a MACROSCOPE, provato allo stand DVGiochi, giochino carino senza infamia né lode, funzionale al target a cui si rivolge.
Stesso discorso vale per UCCELLINI e TRE DESIDERI, giocati allo stand Cranio Creations.
Tutti titoli che fanno quello che devono, semplici, veloci e adatti decisamente ad un pubblico di casual gamers ma, a mio parere, non hanno quel qualcosa in più che gli permetta di emergere tra i tanti editi annualmente.
La sorpresa del giorno è stata invece un frizzante collaborativo provato in casa Ghenos Games: MAGIC MAZE!
Con lui è stato amore a prima vista!
Già l'ambientazione “improponibile” funge da catalizzatore per i passanti: dopo essere stati derubati di tutti i loro averi, quattro eroi si vedono costretti a derubare a loro volta il supermercato locale per ottenere tutto l'equipaggiamento necessario per la loro prossima avventura :)
Magic Maze, è un gioco di cooperazione simultanea che si svolge in silenzio e va da 1 a 8 giocatori.
Per ora vi dico solo che è estremamente divertente e… per saperne di più seguitemi nei prossimi giorni che a breve ne scriverò la recensione.
Per il resto Cartoomics conferma l'impressione positiva della precedente edizione (QUI il mio report). Curiosando per i vari padiglioni, tra fumetti, cinema e cosplay ce n'è davvero per tutti i gusti. Anche il pubblico eterogeneo che abbiamo visto cingere d'assedio la fiera nella giornata domenicale è sintomo della buona riuscita della manifestazione.
Per quanto riguarda l'area board games, rispetto all'anno scorso abbiamo notato una maggiore presenza di Editori, e questo non può che far ben sperare per le future edizioni di Cartoomics.



Max_T



Un grazie ad Andrea che mi ha accompagnato da Novara e a Matteo Sassi che si è unito a noi durante la manifestazione, oltre che a tutti i dimostratori e amici che abbiamo avuto il piacere di conoscere e rivedere :)

Lo stand Red Glove

Tre Desideri

Uccellini!

Adventureland

Macroscope

Lego e Simpsons

StarWars non manca mai!

Gonfiabili per i più piccoli

2 commenti:

  1. Belle le foto, ma non ti nego che mi sono soffermato su quella di Warstones. Curiosissimo di provarlo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se andrai a Play Modena potrai sicuramente provarlo :)

      Elimina