.

.
.
.
.
.

giovedì 23 marzo 2017

IL SOLITARIO DI PROVIDENCE

Ormai lo sapete a memoria, sono cose che ho scritto spesso nei miei articoli: esatto, nell'ambito ludico mi piace molto playtestare e collaudare nuovi giochi e nuove idee di gioco. Diciamo che sono uno sperimentatore più che un gamer, e questa mia natura mi porta inevitabilmente a collezionare più sconfitte che vittorie al tavolo da gioco, ma la cosa non mi pesa affatto, anzi, per me è l'esperienza che conta :)
Anche per quanto riguarda i miei gusti in fatto di board games non ci sono segreti, posso tranquillamente ribadirvi che sono decisamente onnivoro, con una predilezione per i giochi ben ambientati, a tema storico e, possibilmente, giocabili anche in modalità solitaria (nell'attesa che i bimbi crescano e mi supportino con la mia passione).
Meccaniche di gioco a parte, per me conta molto la veste grafica. Un gioco accattivante e ben vestito attira sicuramente la mia attenzione, e in questa ottica ammetto che l'artwork di Kingsport Festival: il gioco di carte è risultato subito irresistibile ai miei occhi!
Non posso dire di essere un fan accanito di H.P. Lovecraft, ma sicuramente sono un estimatore delle ambientazioni da lui create, e il suo particolare stile mi ha sempre affascinato.
Giocando Kingsport Festival: il gioco di carte vi assicuro che le atmosfere cupe che traspirano dai suoi romanzi si rivivono pienamente, facendo risultare questo titolo decisamente ben ambientato, oltre che piacevole da giocare.
Come avrete potuto leggere nella mia recensione di qualche mese fa (QUI), questo è un titolo per 3/5 giocatori, ma una volta provato ho avuto la sensazione che avrebbe potuto essere giocato egregiamente anche in solitario, semplicemente mettendo a punto una meccanica che simulasse una sfida contro un ipotetico avversario, così ho provato a ideare una variante per la modalità solo-game. Il tutto senza stravolgere le meccaniche e le idee di base del gioco, ed utilizzando solo ed esclusivamente i materiali già presenti nella confezione.
L'idea iniziale era di condividerla apertamente su BGG, ma prima di farlo ho pensato fosse doveroso chiedere il permesso all'Autore del gioco, Gianluca Santopietro.
Ebbene, dopo averla visionata, Gianluca e il team di Sir Chester Cobblepot, grazie alla squisita disponibilità e professionalità che li contraddistingue, si sono offerti di aiutarmi a migliorare la mia idea per renderla addirittura pubblicabile come espansione e... beh, il risultato lo avete visto :)
Ammetto che leggere il proprio nome sul regolamento di un gioco in scatola è davvero gratificante, non posso che ringraziare Gianluca e Sir Chester Cobblepot per aver valorizzato la mia semplice idea a tal punto da renderla un prodotto pubblicabile sotto il loro prestigioso marchio.
Ciò che più mi piace sottolineare quando racconto questa storia è l'apertura che Sir Chester Cobblepot dimostra di fronte alle idee che gli vengono proposte.
Chiacchierando con Gianluca mi è risultato subito chiaro quanto questa realtà italiana sia portata per riconoscere e valorizzare le proposte che riceve, coinvolgendo con grande competenza e rispetto chi gliele propone, sia esso un Autore affermato o un aspirante tale.
Non a caso sono promotori di un gran bel concorso, il Nerd Play Award, che premia con una proposta di contratto di produzione professionale, ogni anno durante lo svolgimento della fiera Play Modena, il prototipo inedito più promettente tra i numerosi iscritti al concorso.
Insomma, il messaggio che vorrei passasse grazie a questa mia esperienza è: non abbiate paura di sbagliare, anche le piccole idee possono avere quel qualcosa in più che permette loro di emergere e farsi notare. 
L'impegno e la passione alla fine vengono sempre premiati, soprattutto se trovano l'interlocutore giusto che ha capacità e competenze per riconoscerli :)

Ci vediamo sabato 1 aprile alla fiera di Modena, all'ufficio di Sir Chester Cobblepot, per scoprire insieme Kingsport Festival: il gioco di carte - il Solitario di Providence -, oltre ovviamente agli altri interessanti giochi proposti da Sir Chester Cobblepot, dei quali vi ho accennato nel precedente articolo (QUI).




Max_T

venerdì 17 marzo 2017

PLAY MODENA 2017 SI AVVICINA, ECCO COSA CI (E MI!) ATTENDERA'


Mancano ormai davvero pochi giorni all'inizio della nona edizione della Fiera per giocatori più attesa d'Italia, ossia Play Modena.
Come ogni anno anche in questa edizione saremo presenti al Festival del gioco, sicuramente nella giornata di sabato, per giocare, approfondire, conoscere e successivamente riportare ai lettori che non potranno essere presenti, le novità trovate a Modena.
L'anno scorso il tempo è letteralmente volato, quest'anno cercheremo di fare con un po' più di calma, anche se probabilmente non potremo goderci entrambi i giorni di fiera.

Come di consuetudine vi lascio il link (QUI) al report della scorsa edizione e, di seguito, il comunicato stampa ufficiale della manifestazione.

In più vi anticipo che quest'anno ci sarà una sfiziosa novità che riguarderà me ed una Casa di Produzione italiana molto nota, la Sir Chester Cobblepot.

Per ora vi posso anticipare che, tra le novità che il team Cobblepot presenterà a Play, prima fra tutte Whitehall Mystery, lo spin off di Lettere da Withechapel per 2/4 giocatori, Dear Boss, espansione di Lettere da Whitechapel, ed un gioco di carte ispirato al romanzo Orgoglio e Pregiudizio (Pride And Prejudice) a cui stanno ancora lavorando, ci sarà anche  la variante in solitario di Kingsport Festival Card Game, nata da una mia idea e brillantemente sviluppata grazie al sapiente aiuto dell'Autore del gioco, Gianluca Santopietro :) 

Io avrò l'onore ed il piacere di essere presente, nella giornata di sabato, allo stand Sir Chester Cobblepot per parlarvi di questo nuovo regolamento e spiegarlo a chi vorrà provare il gioco di carte de Il Solitario di Providence.

Se volete sapere come nasce l'idea del regolamento in solitario ed altre piccole curiosità, vi consiglio di seguire i prossimi articoli qui su Idee Ludiche e, soprattutto, di fare un salto in fiera! :)




Max_T






comunicato stampa ufficiale:


DAL 31 MARZO AL 2 APRILE 2017
LA IX EDIZIONE DELLA FIERA
PLAY MODENA
LA PIÙ GRANDE FIERA DEI GIOCHI ITALIANA


Il Festival del gioco ruoterà attorno al tema “Mutina e la romanità”, per celebrare il 2200 anniversario di fondazione di Modena, l’antica Mutina.
Un ricco programma di eventi animerà ModenaFiere e tutto il centro storico: giochi da tavolo, giochi di miniature, giochi di ruolo dal vivo; e poi la prima Escape room tripla mai realizzata al mondo, le animazioni con i Cosplayer, l’arena di lasertag, la sfilata dei personaggi di Star Wars, e molto altro ancora.
Inoltre, un incontro accademico sul tema Gioco e Memoria, la rievocazione della battaglia di Mutina del 43 a.C. con un torneo di Commands & Colors e una sezione dedicata ai giochi che si facevano ai tempi degli antichi romani.

Dal 31 marzo al 2 aprile 2017, Modena diventa la capitale italiana del gioco.
Fedeli al motto “entra, scegli e gioca!”, i giocatori di tutta Italia sono pronti a invadere il complesso di ModenaFiere e del centro storico della città emiliana.
Torna PLAY, la più grande fiera dei giochi italiana, giunta alla sua nona edizione, che ruota attorno al tema di “Mutina e la romanità”, per celebrare i 2200 anni di fondazione di Modena, l’antica Mutina.
PLAY 2017, organizzata da ModenaFiere, con la collaborazione di Club Treemme e La Tana dei Goblin, con il patrocinio del Comune di Modena, dell’Università di Modena e Reggio Emilia e il contributo di Banca popolare dell'Emilia Romagna e Conad, è una fiera che esplora l’intero universo ludico.
PLAY offrirà un ricco programma suddiviso per tipologie di gioco: da quelli da tavolo a quelli di ruolo, da quelli di carte collezionabili a quelli di miniature; e ancora giochi dal vivo, videogiochi, giochi della tradizione, giochi di strada, costumisti, cosplayer e molto altro.

Fulcro dell’intera manifestazione sarà il Quartiere Fieristico di ModenaFiere dove - sabato 1 e domenica 2 aprile - i partecipanti potranno usufruire della più grande ludoteca mai allestita, con oltre 2000 tavoli destinati al gioco, e un menù capace di soddisfare gli appetiti dei giocatori di tutte le età, grazie alle oltre 100 associazioni ludiche italiane che organizzeranno eventi e tornei gratuiti per il pubblico.
Panoramica padiglione A

Come ogni anno, le più importanti aziende a livello nazionale sceglieranno PLAY per presentare i loro migliori giochi inediti; nella sezione della Hot list si segnalano Great Western Trail, gioco sulla colonizzazione del selvaggio West, o Agricola Family in cui i protagonisti sono contadini del 1600 alle prese con la fame e la vita dei campi; o ancora The Others, dove i giocatori collaborano contro un nemico unico, che si materializza, a turno, in uno dei sette peccati capitali, o Terraforming Mars, sulla colonizzazione del Pianeta rosso.
Lo spazio del Comune di Modena, inoltre, ospiterà tavoli riservati ai giochi che si facevano al tempo degli antichi romani o altri ambientati durante l’impero di Roma.
Inoltre, si troverà la Family Area che si focalizza sul valore del gioco come momento di divertimento, dove i genitori potranno giocare assieme ai propri figli con l’aiuto di guide esperte. Qui si troveranno inoltre due Ludobus, giochi in legno e giochi della tradizione.
Novità assoluta per PLAY 2017, sarà la prima Escape room tripla, mai realizzata al mondo, che si svilupperà su tre stanze con tre gruppi che giocheranno in parallelo.
Escape Room

Sempre più ricco e sempre più ampio sarà il Fuorisalone di PLAY che si svilupperà per tutto il centro storico di Modena.
In Piazza Roma verrà allestito un mercatino di oggettistica legata al gioco di ruolo dal vivo, e un’arena dove si terranno eventi quali presentazioni delle ambientazioni, tornei, workshop e altro.

Sempre in piazza Roma, si aprirà la caccia agli zombie. In un’arena appositamente creata, i giocatori s’impegneranno a liberare Modena dall’invasione dei morti viventi, utilizzando le più moderne tecnologie Laser tag.

Nel complesso della Fondazione San Filippo Neri/Er.Go, si alterneranno eventi di gioco di ruolo dal vivo, nei quali si potrà partecipare gratuitamente e giocare per tutta la durata di PLAY.

Anche lo Storytelling avrà un occhio di riguardo. In Palazzo dei Musei, ad esempio, si giocherà seguendo le vicende storiche della battaglia di Mutina, a cura di Giorgio Gandolfi e Crono eventi; nel sottoportico di via Carteria ci si divertirà in un gioco investigativo sulla figura di Sherlock Holmes, mentre al lapidario del Duomo si terrà il Mistery party, a cura dell’associazione Cicuta.
Simulazione di battaglia storica

Elementi di grande suggestione e divertimento saranno le sfilate che animeranno le vie di Modena. Come quelle dei personaggi di Star Wars, o l’appuntamento con i Cosplayer, attesi nella serata di sabato alla Tenda di Viale Molza dove si svolgeranno concerti e DJ set.

Tra le varie iniziative collaterali PLAY accoglierà, domenica 2 aprile, il campionato Italiano di Sudoku e, sabato 1 aprile, il campionato di giochi logici.

Venerdì 31 marzo, Play Res, in collaborazione con l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, organizzerà una Tavola esagonale, ovvero un incontro accademico sul tema Gioco e memoria.


Tutto il programma sul sito www.play-modena.it.


PLAY – Festival del gioco

Dal 31 marzo al 2 aprile 2017

Salone del Gioco, Modena Fiere (Viale Virgilio 70-90)


Fuorisalone, in città
31 marzo – 2 aprile 2017

Orari: Sabato 9.00 – 20.00; Domenica 9.00 – 19.00




giovedì 9 marzo 2017

IL GIVE AWAY DEL MERCANTE IN FIERA

Ciao a tutti,
come anticipato nel precedente articolo (questo QUI!) ecco le 20 carte di cui dovrete trovare le citazioni.
Le regole sono simili a quelle del CrossQuix (se non vi ricordate lo trovate QUI!).

Di ogni illustrazione dovete indicare il numero, il nome della carta e il gioco che l’ha ispirata.
Chi indovina un titolo per primo guadagna il punteggio corrispondente. Gli altri possono continuare a scrivere, ma non guadagneranno punti per quella illustrazione.
Potete scrivere più commenti, ad esempio scrivendo subito i primi titoli che avete trovato, e gli altri successivamente.
Avviso: un’illustrazione potrebbe ricordarvi più di un titolo. In tal caso scriveteli entrambi, perché vale solo il gioco a cui Alan ha pensato. Un po’ come il “vale la risposta scritta sulla busta” nei giochi televisivi.
I primi 10 titoli individuati cronologicamente valgono 1 punto. Gli altri hanno un punteggio crescente: 2 punti per l’undicesimo titolo individuato, proseguendo con 3, 4, 5, 6, 7, 8, 10, 12 e 15 per l’ultimo. In questo modo cerchiamo di premiare sia i più veloci sia coloro che troveranno le citazioni più complicate.
I 5 che totalizzeranno il punteggio più alto riceveranno 1 foglio con 2 disegni originali realizzati da Alan.
Eccoli!

Per apprezzare tutti i capolavori di ALAN D'AMICO >>> https://alandamico.wordpress.com/


Chi otterrà il punteggio più alto potrà scegliere l’illustrazione per primo. Gli altri a scalare.
La consegna dei premi verrà effettuata a Play direttamente dallo stesso Alan. Potrete accordarvi direttamente con lui, anche se non doveste andare a Play.

Ma bando alle ciance, che la sfida abbia inizio!

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20


Francesco & Alan :)


lunedì 6 marzo 2017

CARTOOMICS 2017: NOVITA', ANTEPRIME E TANTA TANTA GENTE

Come l'anno scorso la giornata prescelta per visitare Cartoomics è la domenica.
A differenza dell'anno scorso però, ad attenderci all'ingresso del colossale impianto fieristico di Rho, c'è una altrettanto colossale fiumana di visitatori.
Dai racconti di chi ci aveva preceduto il venerdì ed il sabato non ci aspettavamo tanta ressa che comunque, come era facile immaginare, si diluisce presto nella vastità dei padiglioni e non crea problemi... soprattutto a noi che siamo diretti nella zona dall'area Board Games, che in questo tipo di fiere che abbracciano il mondo “nerd” a 360°, è sempre un'isola felice :)
Dopo un primo giro conoscitivo tra gli stand, ci fermiamo da Red Glove per provare il tanto atteso WARSTONES, un gioco di schiccherate ideato da Andrea Chiarvesio e Maurizio Favoni.
La versione a cui giochiamo è ancora a livello di prototipo, per provare qualcosa di definitivo bisognerà aspettare ancora un mesetto scarso, la fiera destinata al lancio non sto nemmeno a nominarla, ci siamo capiti ;)
Warstones è un gioco molto divertente per 2, 3 o 4 giocatori, e consta di una plancia di gioco alla “subbuteo”, leggera e delle dimensioni all'incirca di 90x90 cm, divisa in settori, sulla quale si muovono gli eserciti dei contendenti, rappresentati non da miniature bensì da gettoni simil-fiches. La peculiarità è che per muoverli si prendono letteralmente a schiccherate le unità che li compongono.
Lo scopo, almeno in questo scenario, era di totalizzare 5 punti vittoria assediando e conquistando villaggi ma, come ci ha assicurato Alexander che ci ha spiegato il gioco, di scenari ce ne saranno a iosa.
Il prototipo di Warstones
Warstones è un gioco che per natura si presta alle espansioni, non solo a livello di scenari e missioni ma anche di truppe e schieramenti (il gioco base prevede umani Vs non-morti).
L'impressione è molto positiva, questo è un titolo che mixa con semplicità un pizzico di Warhammer, Flick 'em up! e Catacombs, unendo gli elementi strategici propri dei wargames alla destrezza dovuta ai colpi da assestare alle fiches, facendolo risultare un gioco piacevole e dall'esito, spesso, imprevedibile :)
Dovrebbero completare la dotazione del gioco due mazzi di carte con le abilità speciali di ogni reparto che forma lo schieramento dei giocatori, un paio di player aid e dei cubetti azione, oltre a delle torri/villaggi che trovano posto al centro della mappa e fungono un po' da ostacoli come accadeva nei vecchi flipper.
Soddisfatti della sosta in casa Red Glove proseguiamo il nostro giretto alla ricerca di nuovi titoli da provare (nuovi almeno per noi).
In rapida successione giochiamo a ADVENTURELAND della Haba, gioco bello ma che soffre di ciò che il buon Agzaroth definisce “dragging”, ossia si trascina in modo ripetitivo di turno in turno, dimostrandosi più lungo che soddisfacente.
Continuo a rimanere perplesso da questi nuovi titoli Haba, per quanto mi riguarda non sono né carne né pesce.
Tocca poi a MACROSCOPE, provato allo stand DVGiochi, giochino carino senza infamia né lode, funzionale al target a cui si rivolge.
Stesso discorso vale per UCCELLINI e TRE DESIDERI, giocati allo stand Cranio Creations.
Tutti titoli che fanno quello che devono, semplici, veloci e adatti decisamente ad un pubblico di casual gamers ma, a mio parere, non hanno quel qualcosa in più che gli permetta di emergere tra i tanti editi annualmente.
La sorpresa del giorno è stata invece un frizzante collaborativo provato in casa Ghenos Games: MAGIC MAZE!
Con lui è stato amore a prima vista!
Già l'ambientazione “improponibile” funge da catalizzatore per i passanti: dopo essere stati derubati di tutti i loro averi, quattro eroi si vedono costretti a derubare a loro volta il supermercato locale per ottenere tutto l'equipaggiamento necessario per la loro prossima avventura :)
Magic Maze, è un gioco di cooperazione simultanea che si svolge in silenzio e va da 1 a 8 giocatori.
Per ora vi dico solo che è estremamente divertente e… per saperne di più seguitemi nei prossimi giorni che a breve ne scriverò la recensione.
Per il resto Cartoomics conferma l'impressione positiva della precedente edizione (QUI il mio report). Curiosando per i vari padiglioni, tra fumetti, cinema e cosplay ce n'è davvero per tutti i gusti. Anche il pubblico eterogeneo che abbiamo visto cingere d'assedio la fiera nella giornata domenicale è sintomo della buona riuscita della manifestazione.
Per quanto riguarda l'area board games, rispetto all'anno scorso abbiamo notato una maggiore presenza di Editori, e questo non può che far ben sperare per le future edizioni di Cartoomics.



Max_T



Un grazie ad Andrea che mi ha accompagnato da Novara e a Matteo Sassi che si è unito a noi durante la manifestazione, oltre che a tutti i dimostratori e amici che abbiamo avuto il piacere di conoscere e rivedere :)

Lo stand Red Glove

Tre Desideri

Uccellini!

Adventureland

Macroscope

Lego e Simpsons

StarWars non manca mai!

Gonfiabili per i più piccoli