.

.
.
.
.
.

venerdì 5 febbraio 2016

PERCHE' MI PIACE... BRICK PARTY (18)


Nessuna recensione, niente meccaniche, niente voti, semplicemente prendo un gioco della mia collezione e vi spiego perché mi piace giocarlo!
Se la mia opinione sarà utile a qualcuno non lo so (ovviamente spero di si!) ma mi piace l’idea di raccontarvi il perché ed il percome un dato titolo mi affascina, senza giudicarlo o valutarlo, ma facendone emergere solo i lati, a mio parere, positivi.

Quindi buona lettura e… spazio ai commenti! J



BRICK PARTY (2015)

di LUCA BELLINI
2-9 giocatori
20-30 minuti
cooperativo, gestione della mano, party game, gioco di destrezza.






Mi piace perché:

> Perché utilizzare i mattoncini "simil-Lego" in un gioco da tavola è un’idea semplice e allo stesso tempo geniale. Se apri la confezione di Brick Party e rovesci i mattoncini sul tavolo, chi è seduto con te non può fare a meno di mettersi a giocare con loro ed unirli per formare qualsiasi tipo di forma gli venga in mente. E’ irresistibile e giochicchiando distrattamente tra una chiacchiera e l’altra in un attimo ci si trova immersi nel gioco vero e proprio!

> Mi piace vedere i giocatori scervellarsi per descrivere al proprio compagno i pezzi da utilizzare per comporre la figura che vedono sulla carta che hanno in mano. Sì, perché in Brick Party è questo che dovete fare: essere la prima coppia a realizzare la figura (disegnata in silhouette) illustrata sulla propria carta FORMA.

> Brick Party ha regole assolutamente semplici, la spiegazione ed il set up durano neanche 5 minuti a fronte di una ventina di minuti (o qualcosa in più dipende dal numero di giocatori) di divertimento sfrenato!
Si decide chi sarà il primo giocatore che verrà denominato Leader.
Si suddividono le carte FORMA in 4 mazzi a seconda del loro valore che varia da 5 a 8 (e che rappresenta sia i punti vittoria per chi la realizza che il numero minimo di pezzi da cui la figura è composta), una volta piazzati i mattoncini al centro del tavolo si distribuiscono 2 carte FORMA prese da ogni mazzetto ad ogni giocatore.
Si estrae una carta REGOLA che determinerà la regola che tutte le coppie dovranno seguire in questo turno (le regole sono fantastiche: ci si potrà trovare a dover costruire senza utilizzare i pollici, oppure ad occhi chiusi o a dita incrociate…).
Si formano le coppie (si gioca a coppie variabili, ed anche questa è una genialata!).
Si assegnano i ruoli all’interno di ciascuna coppia (ossia chi sarà il MURATORE - colui che costruirà - e chi l’ARCHITETTO - colui che sceglierà la carta FORMA da realizzare e la “spiegherà” al compagno -) e via che si inizia a costruire tutti contemporaneamente! 
Non appena un ARCHITETTO pensa che la costruzione sia completa attiva una clessidra e le altre coppie avranno a questo punto solo 30 secondi per cercare di completare le loro costruzioni. Quando la clessidra si esaurisce ogni ARCHITETTO mostra la carta FORMA ed i MURATORI vi pongono sopra le loro opere per verificare che siano state realizzate in modo corretto. Se lo sono, entrambi i giocatori guadagnano punti, in caso contrario niente punti. Si prosegue poi con un nuovo turno e nuove coppie finchè tutti i giocatori non avranno ricoperto il ruolo di Leader.
E’ facile intuire che chi avrà più punti alla fine sarà il vincitore.

> Brick Party mi piace molto, particolarmente per questa sua caratteristica di favorire l’aggregazione tra i giocatori sfruttando l’idea delle coppie variabili. Ma non solo, lo trovo ottimo anche da giocare nella sua versione “fast”, adatta principalmente ai bambini dai 5 anni in su, in cui ognuno gioca in solitario utilizzando un solo set di mattoncini per completare la carta FORMA estratta nel round.

> In definitiva Luca Bellini ed i ragazzi di Post Scriptum hanno realizzato un gioco davvero avvincente, il degno successore di Fun Farm. Un party game dinamico ed accattivante che sfrutta un componente (i mattoncini) che tutti hanno nel loro background, e che gli permette di essere accolto da chiunque, compresi gli scettici, come una piacevole novità… perché si sa, giocare con i Lego non è un hobby da sfigati come giocare ai board games! ;)

I componenti di Brick Party


Se vi ho incuriosito e volete provare BRICK PARTY vi aspetto ogni mercoledì alla Ludoteca Galliatese, dove potrete trovare anche molti altri titoli interessanti! 

2 commenti:

  1. L'idea mi piace, non mi dispiacerebbe provarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne hai l'occasione fallo, non rimarrai deluso :)

      Elimina