.

.
.
.
.
.

martedì 21 luglio 2015

PER MOLTI MA NON PER TUTTI: COLT EXPRESS

Ho giocato parecchie partite a questo titolo, una più divertente dell’altra. Quando ci si chiedeva quali sarebbero stati i finalisti dello SdJ 2015 io scommisi su di lui.
Ed alla fine (stranamente!) ebbi ragione.
Personalmente l’ho sempre visto molto più adatto di Machi Koro a sedersi sul trono lasciato libero da Camel Up, per tanti motivi, il principale dei quali era il proseguire la tendenza dei giochi con componenti “3D”.
In realtà non so quale sia stata l’effettiva discriminante che ha fatto propendere la giuria verso Colt Express, ma non posso che essere d’accordo con il loro verdetto.
A loro vanno i miei complimenti così come a Christophe Raimbault, l’autore di questo titolo che come spesso accade dopo aver primeggiato al premio teutonico, suscita pareri molto discordanti. Facile quindi catalogarlo come un gioco “per molti ma non per tutti”! :)

Colt, bando alle ciance! Raccontaci di te e del perché, nonostante la tua brillante vittoria, alcuni sembrano non apprezzarti!

 


Eccomi a voi,
ebbene sì, sono il fresco vincitore dello Spiel des Jahres 2015!
Sono felicissimo di aver conquistato questo importantissimo riconoscimento, ragazzi sono il gioco dell’anno, il portabandiera dei giochi da tavolo, un prodotto adatto a rappresentare e promuovere il gioco come bene culturale nelle famiglie e nella società!
Non è una cosa da poco.
I giudici dello SdJ hanno criteri ben definiti per premiare un titolo; loro giudicano principalmente 4 aspetti: l’idea di gioco, il regolamento, i materiali e la grafica.
Beh, per quanto riguarda gli ultimi 2 punti credo proprio siate tutti d’accordo nel giudicarmi promosso a pieni voti!
Materiali e grafica sono indubbiamente i miei punti forti, sono praticamente un gioco 3D (il mio treno potrebbe definirsi quasi un giocattolo!), in solido cartoncino con dei fantastici meeples a foggia di pistolero. Le mie carte e le mie plance sono ottimamente illustrate e chiarissime da interpretare, come il regolamento del resto, chiaro, ben scritto e ricco di immagini ed esempi.
E dell’idea di gioco vogliamo parlarne?!
Siete dei banditi, tutti contemporaneamente all’interno di un treno in corsa che cercano di rapinare più passeggeri possibile, evitando di incontrare il temibile sceriffo, al fine di diventare il più ricco fuorilegge del far west! Per fare ciò avete a disposizione un mazzo di carte azione che, giocate una alla volta in alternanza con gli altri giocatori, formeranno un mazzo unico che una volta girato darà vita al “film” della rapina. Uso la parola film non a caso, perché giocarmi è come farsi un film di ciò che accadrà!
Voi infatti potete programmare le vostre azioni, ma solo immaginare e prevedere quelle degli altri, quindi non è detto che alla fine del round quello che vi aspettate accadrà realmente! :)
Ma andiamo con ordine, vi spiego il mio regolamento che così vi sarà tutto più chiaro:
dopo il set up iniziale (che consiste nel comporre il treno in base al numero di partecipanti, metterci dentro i meeples dei giocatori, quello dello sceriffo -che va nella locomotiva- e le refurtive) ogni giocatore (da 2 a 6) posiziona sulla propria plancia di gioco il mazzo di 6 carte “pallottola” a rappresentare le munizioni in possesso, e il mazzo delle “azioni”, 10 carte con rappresentate le azioni possibili che il vostro personaggio potrà effettuare (sparare, spostare lo sceriffo, salire/scendere sul/dal tetto del treno, muoversi, tirare un pugno o raccogliere la refurtiva -sacchetti pieni di dollari sonanti, diamanti o l’ambitissima valigetta dello sceriffo-). Ogni fuorilegge parte anche con un sacchetto di monete preso a caso dal mucchio e tenuto coperto sulla sua plancia.
Questa plancia mostra quale personaggio state impersonando ed il suo potere. Ogni fuorilegge infatti ne ha uno diverso, ad esempio c’è chi sparando fa indietreggiare il suo bersaglio di una carrozza, o chi tirando un pugno raccoglie al volo la refurtiva che cade di mano all’avversario.
Ogni giocatore mescola il proprio mazzo “azione” e pesca 6 carte che costituiranno la mano dalla quale scegliere le azioni da giocare per il round in corso. Prima che si giochino le carte “azione” viene rivelata una carta “round”, che mostra quante carte si potranno giocare e come (a seconda della carta si possono infatti giocare fino a 4 azioni, coperte o scoperte, o addirittura in coppia, vale a dire due azioni di fila). A questo punto il primo giocatore giocherà la sua carta azione e gli altri a seguire, fino a soddisfare il numero richiesto e formando così un unico mazzo il quale, come vi ho anticipato, una volta ultimato verrà girato e, una dopo l’altra verranno mostrate le carte azione scelte dai giocatori. Ora non resta che sedersi comodi in poltrona, và in onda il film della rapina!
Immaginate: Django sale sul tetto della carrozza, deciso a correre verso la locomotiva e calarvisi dentro per rubare la valigetta lasciata incustodita dallo sceriffo, ma Ghost, che si trovava già sul tetto, anziché scendere per recuperare facilmente un rubino abbandonato, come erroneamente previsto da Django, decide di sferrare un pugno al malcapitato che subendo il colpo deve lasciar cadere uno dei suoi sacchetti di refurtiva. Ora il sacchetto è alla mercè degli altri fuorilegge poiché Django aveva già programmato come seconda azione di muoversi verso la locomotiva… chissà se alla fine riuscirà nell’intento di  recuperare la preziosa valigetta o se qualcuno, sfruttando la possibilità offerta dalla carta round di giocare azioni coperte, avrà avuto la maliziosa idea di spostare lo sceriffo nuovamente all’interno locomotiva?! Dovremo aspettare i ciack successivi per saperlo! :)
Terminato il round (se ne giocano 5 in tutto) ognuno riprende le proprie carte azione giocate, più le eventuali carte pallottole subite, le mischia in un unico mazzo e pesca nuovamente 6 carte per iniziare il nuovo round. Come vedete, più pallottole beccate e più il vostro mazzo azioni sarà ingolfato da carte inutilizzabili. Le buone notizie sono che potete rinunciare a giocare una carta azione per pescarne altre 3 dal mazzo, sparando di trovare quelle che vi servono! E che al termine della partita chi avrà sparato più colpi riceverà un bonus di 1,000 $.
Ovviamente vince chi, alla fine del quinto turno, avrà ottenuto più dollari!
Eccomi qua, semplice da spiegare e divertente da giocare! Sono un buon mix di intuito,  programmazione e fortuna. 
l'Autore con il pedone dello SdJ

Come il precedente vincitore dello SdJ, Camel Up, anche io dò l’impressione di poter controllare ciò che avverrà ma ovviamente, grazie ai poteri dei personaggi ed alla varietà delle carte round, tutto può essere rimesso in discussione, ed ecco che in un istante si passa dall’avere tra le mani la valigetta dello sceriffo all’essere preso a pungi e spinto ad una carrozza di distanza da dove ci si trovava prima!
Tutto questo non vuol necessariamente dire caos, secondo me anzi si traduce nell’essere un titolo vincente.
Non voglio passare per sbruffone dicendo questo, sò delle critiche che mi vengono mosse (troppo casuale, incontrollabile, per nulla profondo e via dicendo) ma non le sento assolutamente mie. Dovete prendermi per quello che sono, un titolo per famiglie, ottimo per introdurre nuove persone al mondo dei board games, leggero e spensierato, che permette di trascorrere 40 minuti in allegria.
Non dovete avercela con me perché ho vinto lo SdJ.
Se ho raggiunto questo traguardo è perchè rappresento semplicemente la direzione nella quale si dovrebbe andare per ottenere una migliore diffusione dei giochi da tavola: oggi pare che il mercato ludico voglia giochi belli a vedersi, con componenti eccellenti, di durata contenuta e che invoglino ad essere rigiocati grazie a regolamenti facilmente assimilabili, è un’evidenza che io risponda perfettamente a queste caratteristiche… e poi diciamocelo, non è che quest’anno abbia battuto chissà chi in finale! ;)
Tra l’altro ricordiamoci sempre che nel 2002 l’outsider VILLA PALETTI vinse lo SdJ superando un certo PUERTO RICO

E con questa riflessione vi saluto,
è stato un piacere parlarvi di me, e se proprio non sono riuscito a convincervi a provarmi, spero di avervi strappato almeno un sorriso  :)
 
un abbraccio,


Colt Express

8 commenti:

  1. Su qualsiasi tavolo lo metta, a qualsiasi persona lo proponga, grandi o piccoli, hard o babbani, questo gioco strappa via mille mila risate e tanti minuti di divertimento condiviso... quale motivo migliore per premiarlo come gioco dell'anno?
    Superapproved!
    PS: spero esca qualche espansione del treno e dei giocatori per portarlo almeno ad 8 perchè quando gli scettici vedono partire le prime "schioppettate" si lamentano di non trovare più posto nelle carrozze occupate!

    RispondiElimina
  2. (mi è partito l'invio) Grandissima idea Max quella di far rispondere il gioco! Caxxfigata! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :D
      Che non si dica che non diamo vice ai giochi! Hahaha :D

      Elimina
  3. Ho avuto l'occasione di giocarci lo scorso mese. L'ho trovato molto frenetico ed originale.. Lo abbiamo anche portato anche ad una nostra serata di gioco in fumetteria: è stato molto apprezzato.
    Promosso :D

    RispondiElimina
  4. Grazie per le post.
    Dopo provare!!1
    baccio

    RispondiElimina
  5. Io penso iguale: trovato molto frenetico ed originale
    Grazie per tutti le post

    RispondiElimina
  6. Grazie per le post
    Mi piace molto el blog
    bellissimo!
    Baccio

    RispondiElimina